martedì 28 febbraio 2017

Ius Soli: mister "R come Referendum" frega ancora gli elettori

Ius Soli: più "R come Referendum" che "V per Vendetta", Grillo frega gli elettori in un gioco di specchi.

Oggi Carnevale della Cittadinanza: manifestano davanti al Pantheon a Roma per lo Ius soli i movimenti L’Italia sono anch’io e Italiani senza cittadinanza. Mentre Matteo Orfini è in piazza con i manifestanti, Grillo si rifugia nell’idea di un referendum impossibile per non prendere posizione sull’argomento.

Il diritto di nascere italiani se si vede la luce sulla nostra terra è noto come Ius Soli e si oppone al razziale ius sanguinis di marca fascista secondo cui si è italiani solo se si nasce da genitori italiani. Matteo Orfini vuole che il Governo si spinga a mettere la fiducia sull’approvazione dello Ius Soli ma sul tema Grillo come sempre fa specchio al suo elettore per risucchiarlo in un nulla di fatto: solo teatro.






Attenzione non guardatelo in faccia. Fissare il volto di Grillo non vi lascerà scampo. Lo guarderete, vedrete voi stessi e diverrete una sua creatura. Il fatto è che - come insegnano Shakespeare e Marlow - ogni uomo di teatro deve possedere la “magia della rappresentazione”, la maschera fatta di specchi. Nel momento in cui lo spettatore alzerà lo sguardo sul volto lucido dell’istrione vedrà se stesso e sarà risucchiato dalla vicenda, disposto a dare per accettate le precondizioni del patto narrativo.




Sul gran palco della politica Grillo si muove così: dice di essere "V per Vendetta" ma se la cava sempre con un “io sono R come Referendum”, in modo che tutti possano vedere in lui il proprio desiderio di riscatto, i tratti di Guy Fox quando si tratta solo di specchi.

Che poi il referendum per l’appunto non si possa fare è una di quelle precondizioni teatrali che nessuno spettatore serio va a sondare più di tanto, né più né meno come nessuno si chiede se in realtà un giovanotto del ‘400 fosse disposto a morire per non perdere la fidanzatina quattordicenne, in Romeo e Giulietta.




Il nostro è tornato alla carica anche oggi sul tema dello Ius Soli rilanciando un suo post del 10 maggio 2013 in cui già annunciava di non prendere posizione sul punto se non dopo un referendum. Peccato che il referendum propositivo non si possa fare dato che lui stesso ha votato e fatto votare "no" al referendum del 4 dicembre.

Così altrettanto ha fatto sul tema dell’Euro.

Euro sì o euro no?

Grillo non mostra indecisioni: facciamo un referendum che sa benissimo di non poter fare. Tanto la magia ha già funzionato.




Monica Montanari






Fonti e Documenti


Posizione di Grillo sullo ius soli

Posizione Orfini su Ius Soli su Twitter
Ti è piaciuto l'articolo?