mercoledì 26 aprile 2017

Matteo Risponde davvero

Dal resoconto del Matteo Risponde del 26 aprile, emerge una classe dirigente di livello più che europeo. Ecco un’agile sintesi dell’edizione odierna di Matteo risponde per chi non ha tempo per seguire il video. Affiancato da Realacci, Bellanova, Bonafé, Catiuscia Marini e Delrio, in finale di campagna per le primarie Renzi rivendica giustamente le misure adottate nei mille giorni sull’ambiente - l’introduzione degli ecoreati legge del maggio 2015 -  e i temi posti in mozione su questo medesimo tema.





martedì 25 aprile 2017

Di Maio rende il caso Alitalia emblematico per tutti: ecco perché

Luigi di Maio dice una mezza verità e questa è una notizia. Dice che il “no” al referendum interno di Alitalia contro gli accordi di risanamento è una grande ribellione ed è vero. Purtroppo per lui però non è una ribellione contro il governo Gentiloni.




lunedì 24 aprile 2017

Roma e Torino, acqua e mezzi pubblici più cari d’Italia con i 5 stelle

A Roma 356 euro anno per asilo nido, 340 per tassa rifiuti, dieci abbonamenti mensili ai mezzi 380, 260 euro per la bolletta dell'acqua.
In attesa del reddito di cittadinanza, i Costi di cittadinanza sono i più cari d’Italia: tributi locali, biglietti dei mezzi, gas, acqua. 





domenica 23 aprile 2017

Ecco perché non sono "i garantiti" a votare per Renzi

Il Pd di Renzi partito dei garantiti secondo Luca Ricolfi intervistato da Marco Damilano durante la kermesse milanese Tempo di Libri. Molti  di noi incapienti abbiamo votato per Renzi. Ricolfi deve cambiare categorie d’analisi. 





sabato 22 aprile 2017

Declassamento e rating: un vaffa grande come il fallimento che Grillo ha portato all'Italia

L’Accozzaglia del No, grillini in testa, ha ingannato i suoi elettori e ci ha messo tutti nel disastro! L'agenzia Fitch declassa i titoli di stato italiani al livello di quelli turchi e o argentini. Abbiamo lo Spread a 210, e “vaffanculo” questa volta lo diciamo noi. Vaffanculo!
Non si tratta di propaganda amici si tratta di FATTI: lo avevamo detto che sarebbe successo ed è accaduto. Noi dicevamo la verità, i 5 stelle, i grillini e gli adoratori di Grillo hanno mentito.





venerdì 21 aprile 2017

Legge elettorale: cosa comportano le tre condizioni fissate dal PD

È scaduto ieri il tempo lasciato all’Accozzaglia per farsi avanti con una propria legge elettorale. Il Pd mette i suoi paletti: collegi uninominali, premio (di governabilità o di lista) e soglia di sbarramento  al 5%. La difficile e rischiosa accoppiata tra collegi uninominali e proporzionale.






giovedì 20 aprile 2017

Misteriosa manina toglie i superpoteri all'Anticorruzione: mestatori all'opera, ecco perché

Chi ha cantato ha fatto l’uovo. E la prima a cantare è stata la Lombardi dei 5 stelle che sul suo profilo Facebook ha denunciato che qualcuno ha sabotato la legge di rinnovo dei poteri di Anac autorità anticorruzione di Raffaele Cantone, inserendo a tradimento una frasetta che abroga il comma 2 dell’art 211 della legge. Coccodè. Peccato che i poteri ora abrogati, a Cantone li avesse conferiti Renzi e che l’Anac di Cantone abbia di recente ribaltato alcune tesi cruciali dei giudici a proposito di Consip, contribuendo a mostrare l’inconsistenza dell’inchiesta.



mercoledì 19 aprile 2017

Ancora senza legge elettorale: adesso qual è la scusa dell’Accozzaglia?

Secondo Istat il 12% delle famiglie italiane hanno difficoltà economiche? Grazie amico del No. Nel mondo economico matura la consapevolezza che tutto è meglio piuttosto che l’immobilismo in assenza di prospettive cui ci hanno condannato i politici del No e il loro elettori.  Mentre Renzi a Porta a Porta si  è dichiarato disposto a votare qualsiasi proposta elettorale anche priva di capilista bloccati, l’Accozzaglia non si carica delle responsabilità derivatele dall'aver voluto bocciare le riforme di Renzi e non ne propone una propria. Non fa la legge elettorale, l'orizzonte non si schiarisce e l’Italia sta rischiando grosso. Grazie amico del NO. 





martedì 18 aprile 2017

Riforma Madia: le bufale dell'accozzaglia del No

Perché pagare le tasse a uno Stato incapace di far star su i cavalcavia? L'incidente di Fossano ripropone i temi dello sfascio dove la pretesa intermediazione burocratica che ci toglie anni di vita si dimostra del tutto inefficiente a gestire la cosa pubblica. Non a caso vanno all'attacco i burocrati quelli del No al referendum e a Otto e Mezzo ci si scaglia contro la Riforma Madia. Il No al referendum del 5 dicembre ha vinto in Italia con le medesime logiche retrive del Sì ai superpoteri di Erdogan: la conservazione. Mentre nella penisola anatolica viene bloccata l’evoluzione europea, laica e basata sulle libertà individuali, con il No del 5 dicembre in Italia …pure e con un unico vincitore, l'apparato. 






venerdì 14 aprile 2017

Sprechi: milioni carta straccia per un referendum che non si farà mai

Ecco gente del "no" cosa capita quando non si può mettere mano alla burocrazia. Come un elefante cieco la macchina dello Stato combina veri disastri senza che si possa far nulla per fermarla. Ad oggi in tutta Italia si stanno spendendo milioni per un referendum, -  quello sull’articolo 18 - che non si farà mai.




giovedì 13 aprile 2017

Firme false: benvenuti nel caos di Grillopoli

Chiesto rinvio a giudizio per 14 politici a 5 stelle, di cui 3 deputati nazionali e 2 deputati regionali siciliani per il caso firme false di Palermo. Ma i 5 stelle  non si dimettono, forse aspettano di maturare la pensione fino a settembre. E dopo le firme false spuntano le firme furbe: quelle raccolte da Virginia Raggi per interdire una via al traffico auto. Peccato che gli autografi non appartengano ai residenti.




mercoledì 12 aprile 2017

Montatura Consip: tutte le fake

Diamo una ricapitolata al caso Consip. Cosa c’è di vero, cosa c’è di indimostrato. Cosa c’è di falso e cosa c’è di stupido. Il capitolo Tiziano Renzi è tutto un programma perché confina con la questione del ministro Luca Lotti e la pretesa del tutto illogica, e lo dimostreremo, che debba dimettersi.



martedì 11 aprile 2017

La proposta indecente di Emiliano al PD

Michele Emiliano oggi all’Aria che tira ha ribadito di voler creare una piattaforma in stile Rousseau per fare referendum online tra gli scritti sulle diverse questioni sul tappeto.
Emiliano cadendo per via del tendine forse ha battuto la testa. La gente del Pd non è come i grillini, la democrazia la vuole davvero! Con chi crede di parlare? 




Dopo il KO Cassimatis / Consip, reazioni disordinate dai 5 stelle

Ancora storditi dai colpi tentano un’altra montatura sui rapporti tra il Governo e il finanziatore de L’Unità e sottopongono il direttore del Tg1 a una specie di assalto, per strada. Intanto Travaglio amico dell’ufficiale indagato fatica a difendersi.
 



lunedì 10 aprile 2017

Esplode Montatura Consip: indagato il detective dei bigliettini spazzatura

Indagato con l’accusa di falso aggravato il capitano dei carabinieri del Noe, Giampaolo Scafarto, incaricato delle indagini Consip di John Woodcock. Il carabiniere dei bigliettini strappati nell’immondizia tanto per intenderci.  Un’intercettazione attribuita erroneamente ad Alfredo Romeo e in realtà pronunziata da Italo Bocchino farebbe cadere un già insussistente indizio contro Tiziano Renzi.
 



La Cassimatis e il partito dei cialtroni

Dopo la portata in faccia a dodici stelle - quelle europee -  Grillo sempre più cialtrone combina un gigantesco casino anche sulla Cassimatis la cui elezione viene validata dal Giudice con rischi quanto alla gestione del simbolo che potrebbe passare a lei. Intanto a Padova uno sconfitto per chiedere di ripetere le comunarie si appella agli argomenti usati da Grillo contro la stessa Cassimatis. Non solo i grillini della porta accanto -  i Di Battista, i Di Maio,  le Taverna e le Raggi - si mostrano troppo schiappe per governare ma ormai sempre più emerge anche il pressapochismo dei vertici.




domenica 9 aprile 2017

Non c'è partita: perché Renzi è un'idea

Si chiude oggi con la Convenzione Nazionale la prima fase del Congresso del Pd che terminerà il 30 aprile con le primarie. L'organizzazione non ha consentito il tesseramento last mnute che aveva fatto impennare le iscrizioni nel 2013 facendo così pervenire i risultati di circolo in tempo reale. I 450 mila iscritti fanno del PD un'anomalia positiva in Europa ha spiegato Roberto Montanari in apertura. 





sabato 8 aprile 2017

Perché Travaglio in fatto di curriculum dovrebbe star zitto

Travaglio sempre più alla frutta. Il Fatto ordisce campagne di settimane sulla tesi di dottorato della Madia. Vadano piuttosto a verificare titoli ed esami delle persone raccomandate da Travaglio per l’ufficio legislativo della Camera.




venerdì 7 aprile 2017

Tutti filo-Putin: ma quanto gli hanno dato ‘sti russi?

Putin ha una rosa non invidiabile di alleati in Italia: dalla Meloni, ad Alessandro Di Battista, per continuare con Enrico Letta, e compagnia cantante sulle note bersaniane. Unici, gli esponenti renziani, a non essersi uniti al coro si sono spesi sul pronto consenso levatosi da tutta Europa a favore della risposta statunitense contro l’uso delle armi chimiche. 



giovedì 6 aprile 2017

Ecco il piano dalla casta che sostiene gli anticasta

Sapete che c'è? È Renzi quello antisistema e se rivoluzione dev’essere sarà lui a guidarla, il popolo del sì contro tutti: i “poteri forti” appoggiano Grillo - notizia di queste ore - mentre i politici del passato ricorrono ai vecchi mezzi della bassa politica. Avanti così guardando al futuro.



A libro paga da Putin contro l'espianto degli ulivi

Il tar blocca l’espianto degli ulivi. Non è bastato incartarli e metterli a nanna in attesa del rimpianto con attenzioni che tanti nostri vecchi indigenti se le sognano. 



martedì 4 aprile 2017

Dati shock sull'abbandono scolastico: è ora che gli insegnanti si facciano un paio di domande

In 45 mila abbandonano gli istituti tecnici e professionali e altri 10 mila lasciano i licei e smettono di studiare. La scuola della Professoressa Scarpone che pensa solo ai prof gli studenti se li dimentica proprio. Una scuola che non vuole cambiare, capace di parlare solo di sedi, ambiti, precariato e supplenze. La capacità formativa del sistema è lasciata agli ultimi posti di una visione corporativa fallimentare. 




Consip: l'anticorruzione affonda la montatura di Travaglio

Campagna Consip di Travaglio tutta sbagliata. Appalti truccati di Romeo inesistenti. Secondo l'anticorruzione di Cantone, sono i concorrenti di Romeo quelli che dovranno chiarire. Alfredo Romeo si fa un mese di galera per aver tentato di difendersi.  




domenica 2 aprile 2017

Legge elettorale, facciamo il punto: chi vuole cosa

Impossibile da credere, i partiti tutti stanno bloccando il Paese. Ma risalta sopratutto l’impudenza delle forze del “no” che prima sacrificano la riforma e poi non provvedono a fornire un’alternativa.  Zagrebelsky riesce a guardarsi allo specchio al mattino? Intanto Sergio Mattarella smentisce la Consulta che aveva definito l’Italicum immediatamente applicabile e stabilisce che, senza armonizzazione dei sistemi elettorali in vigore per la Camera e per il Senato, non scioglierà le camere e non renderà possibile il ritorno al voto. Si profila perciò perfino un decreto tecnico in materia elettorale, ispirato dal Presidente della Repubblica, che armonizzando il sistema non toglierebbe i capilista bloccati e abbasserebbe la soglia di sbarramento al Senato. 



sabato 1 aprile 2017