domenica 19 febbraio 2017

Per la minoranza dem la base non conta nulla

Oggi l'ultima parola spetta alla comunità Dem, a tutti coloro che vogliono dire la loro alle Primarie scegliendo il segretario. Se Bersani, D'Alema, Speranza, Emiliano, Rossi, fin da ora non si fidano di quella base comunitaria che altrove dicono di rappresentare meglio e più di Renzi & Co, se costoro in partenza umiliano la base Pd per non volerle permettere di poter scegliere Renzi - sempre ammesso che sia questa la scelta - , orbene, mostrano il loro vero volto!





Oggi hanno cominciato cantando "Bandiera Rossa". Una canzone di marca totalmente comunista scritta nel 1908. Se vogliono rimettere mano a una sinistra postcomunista o comunista, vocata all'opposizione e giammai governativa, ispirata da quegli ideologismi che hanno permesso a Berlusconi di frodare e andare a puttane per vent'anni (e lui, da par suo, ne ha approfittato a man bassa), totalmente nemica dello sviluppo e del concetto di impresa, antipragmatica e autoreferenziale, che lo facciano!



Il Pd non è questo e non lo è mai stato. Oggi ha raggiunto i suoi obbiettivi politici nell'affermazione dell'agilità politica in cui si è attenti al sociale soltanto se si risolvono i problemi sociali. Non solo se se ne parla e si fanno omelie strappalacrime al riguardo.

La povertà si elimina redistribuendo correttamente la ricchezza, creando sviluppo, favorendo il mercato e dominando i gangli della globalizzazione. Facendo cultura. Evitando ogni forma di assistenzialismo e creando i presupposti perchè il lavoro ci sia.

Bersani e compagni sono tassatori coatti. Dei punitori dell'impresa. Dei nemici giurati della fattualità e della concretezza!




Essere di sinistra oggi significa lavorare seriamente perchè tutti siano più felici e davvero felici. Non signfica punire chi correttamente ha capitalizzato più di altri. Il quale sovente e quasi sempre permette a molti di accedere al lavoro e di muovere la vita di un popolo!

Per cui, per quanto mi riguarda, sciolgo ogni riserva: se i cinque detrattori del loro partito se ne vanno, che lo facciano! Stare ai loro ricatti significa sfinire una comunità politica. Spero che il Congresso e la vox populi facciano per una volta chiarezza.


Antonio Baroncini



Ti è piaciuto l'articolo?