martedì 28 marzo 2017

Smontiamo un po’ di bufale contro il Governo Renzi

Governo Renzi, risultati tutti positivi che agli avversari proprio non vanno giù e che nascondono, manipolano nei talk perché in tv verba volant mentre su carta scripta manent.
Ecco il caso di De Angelis a Otto e mezzo e i dati falsati su crescita, Pil e spesa pubblica di Matteo Renzi.





Prendiamo il povero Alessandro De Angelis dell'Huffington Post come esempio di manipolazione dei dati, molto diffusa e credibile in televisione per contrastare il successo del Governo Renzi sul piano dei risultati.



Mollato il colpo sul tema dell’occupazione, ora i detrattori di Renzi ci riprovano con i dati sulla crescita e con quelli della spesa pubblica.

Purtroppo per loro, e fortunatamente per l’Italia grazie a Renzi, la situazione è ben diversa da quella diffusa nei talk.



Quando Renzi raccolse il testimone di Enrico Letta, il Prodotto Interno Lordo italiano, ovvero l’insieme dei beni e servizi prodotti nel nostro paese in un anno continuava a diminuire e lo faceva perdendo due punti percentuali all’anno. Poi è arrivato Renzi e il Prodotto interno lordo ha smesso di diminuire e  ha ricominciato a crescere fino a un aumento di 2 punti percentuali complessivi.

Poco. Ma chi parla di mancata crescita mente.

La crescita c’è stata perché abbiamo smesso di decrescere e abbiamo ricominciato a mettere fieno in cascina sebbene ancora poca roba rispetto a quanto l’Italia avrebbe bisogno.

Idem dicasi per i dati sulla spesa pubblica, secondo i detrattori eccessiva e mal impiegata.

Nell’ordine.
FALSO: Renzi non avrebbe fatto la promessa riduzione degli sprechi o “spending review”.
VERO:  Matteo Renzi ha creato la centrale acquisti CONSIP che ha dimostrato di ridurre anche del 50% i costi dei prodotti e servizi acquistati dalle pubbliche amministrazioni sul territorio.

FALSO: Il debito pubblico è aumentato
VERO: Il famoso rapporto Debito / Pil scende alla fine del 2016 - secondo Eurostat del 23 gennaio 2017 - di quasi tre punti percentuali. del 2,8,%, dal 135,5 al 132,7%.  Il rapporto tra lo sbilancio gestionale,  deficit, e il prodotto interno lordo, con Renzi, è diminuito dello 0,4%.

Non un granché si dirà ma il prof. Marco Fortis in alcune schede molto precise elaborate per consentire una valutazione oggettiva dell’operato del governo Renzi mostra come tutti i valori economici in picchiata con Berlusconi, Monti e Letta hanno subito una positiva inversione di tendenza con il Governo Renzi.



Matteo Renzi giustamente lo rivendica nella e-news di oggi perché i risultati sono ciò che contano, ciò su cui il Movimento Cinque Stelle - e non solo loro - deve tacere sperando che basti il bullismo sul web.


Monica Montanari





Fonti e Documenti

Risultati economici del Governo Renzi nell e-News di Renzi
Risultati economici del Governo Renzi delle schede del Prof. Marco Fortis


Ti è piaciuto l'articolo?